Studente universitario partecipa alla maratona di New York per una giusta causa

Studente universitario partecipa alla maratona di New York per una giusta causa

Matthew Billings porta avanti la missione lasalliana attraverso la corsa

Quest’estate, Matthew Billings ’20 (M.S.) ha percorso 4.000 miglia da San Francisco a New York per sensibilizzare e raccogliere denaro per il Fondo per i Tumori per giovani adulti di Ulman. La maratona domenicale di New York City di 26,2 miglia deve essere sembrata, a paragone, una brezza leggera.

Billings ha concluso la sua prima maratona di New York in meno di tre ore (2:58:25), incluso nel 2% dei 52.697 corridori che hanno completato la gara.

“Avere la possibilità di correre attraverso cinque distretti è stata un’esperienza straordinaria”, ha detto Billings. “[Durante] le ultime sei miglia, ho avvertito una grave disidratazione e crampi che mi hanno costretto a rallentare drasticamente il mio ritmo. È stata la folla che mi ha aiutato a raggiungere il traguardo. New York non era la mia prima casa, ma dopo questa gara, mi sento come se potessi considerarla tale, ora.”

Ex corridore di sci di fondo presso la Munford High School e la Christian Brothers University nel Tennessee, Billings ha conseguito la laurea nel 2014, per poi unirsi ai volontari lasalliani. Il suo primo lavoro è stato insegnare matematica alla La Salle Academy nella parte est di Manhattan. Mentre insegnava all’Accademia La Salle, Billings è stato anche allenatore di atletica e di cross country. Uno dei suoi corridori ha iniziato a provare dolore a una gamba e alla fine gli è stata diagnosticata una forma di cancro alle ossa.

Billings ha presto scoperto l’Ulman Cancer Fund for Young Adults, che ha sponsorizzato la corsa di 4.000 miglia che ha portato a termine, la scorsa estate, in sette settimane, con un gruppo di 20 persone. Il gruppo percorreva una media di 20 miglia al giorno e uno ogni 10 lo ha trascorso visitando centri per il cancro, scuole e ospedali in tutto il paese.

“L’aspetto [lasalliano] di preoccupazione per i poveri e la giustizia sociale è ciò che ha contribuito molto a questa corsa”, ha detto Billings. “So quanto il cancro possa influenzare le persone. Il cancro non sceglie di colpire poveri o ricchi, un determinato gruppo etnico piuttosto che un altro. Il cancro ha la capacità di coinvolgere tutti, in qualche modo. Volevo contribuire a restituire, lungo il nostro tragitto, un senso di speranza a quelle comunità che sono state colpite”.

Billings sta attualmente studiando per ottenere una laurea in ingegneria civile al Manhattan College, mentre lavora come assistente di laurea presso l’Office of Residence Life. Dopo aver ricevuto il suo master, spera di insegnare ingegneria in un college o università.

https://manhattan.edu

This post is also available in: es en fr

Share This Post