Architettura e formazione. Oltre le quattro mura

Home  |  NOTIZIE

Architettura e formazione. Oltre le quattro mura

9 de Settembre de 2019 Alexander Gonzalez

L’architettura e il suo rapporto con l’educazione sono sempre stati temi di vitale importanza per il processo di insegnamento e apprendimento. Il nostro istituto ha scuole in diverse regioni del mondo, con tutti i climi, difficoltà e opportunità geografiche, aule su pavimenti in terra battuta e aule con le ultime tecnologie e altre diverse condizioni.

È così che, avendo questa università messicana ripensato i suoi spazi educativi, siamo ugualmente incoraggiati a continuare a riflettere su questo tema in tutto il mondo lasalliano, scoprendo opportunità dove non ci sono risorse e ottimizzandole nei luoghi in cui le abbiamo.

“L’Università La Salle Chihuahuahua in Messico ha iniziato un processo di modernizzazione delle sue strutture, incorporando spazi dirompenti come una pratica educativa in trasformazione. Queste nuove strutture comprendono la costruzione di una sala giochi, di una palestra e di un ecosistema di innovazione-fablab. Questi spazi sono pensati come strumenti per promuovere scenari di ideazione, creazione e innovazione, tenendo conto di aspetti educativi come l’identità lasalliana, la responsabilità sociale e il benessere degli studenti.

Allo stesso tempo, l’intero processo viene documentato nell’ambito di un’indagine che solleva anche l’importanza della riconfigurazione degli spazi educativi e delle aree comuni al fine di creare nuove modalità di interazione e rafforzamento del processo di apprendimento didattico seguendo le tre componenti per la creazione dell’attaccamento al luogo, citate da Relph: l’ambiente fisico, le attività e i significati. Allo stesso modo, si propone che la versatilità di uno spazio flessibile e attraente offra a studenti e insegnanti la possibilità di migliorare il processo educativo.

Secondo i risultati preliminari della ricerca, dopo la costruzione della prima fase del progetto, la percezione degli studenti è cambiata positivamente considerando che le aree accademiche e di svago si sono arricchite con la stanza dei giochi ed affermando che essa promuove la creatività e l’innovazione. Inoltre, il 90,43% degli studenti ritiene che l’immagine lasalliana inclusa nella stanza dei giochi contribuisce in modo significativo a promuovere l’attaccamento all’istituzione.

È stato osservato che gli studenti sono entusiasti di questi nuovi tipi di spazi, considerati come una strategia educativa, che serve a motivare ed accellerare il processo di apprendimento, che favorisce un maggiore attaccamento alle istituzioni lasalliane”.

Dott. Óscar Chávez Acosta e dottoressas Karla Martínez e Claudia López.


Questa esperienza è stata presentata al Congresso Mondiale dell’Educazione Lasalliana a Città del Messico nel marzo di quest’anno.

Puoi trovare il progetto qui:

Libro di memorie del Congresso qui: Página 433-442

Collegamento al poster

Collegamento con lo Studio di architettura: www.urbanika.com.mx